Termini e condizioni

FASE 1 – Diagnosi degli hard disk

Il processo del Recupero Dati RAID inizia col ricevimento degli hard disk e il primo step in assoluto, è la diagnosi degli hard disk: se un RAID è fallito, inaccessibile o corrotto, quasi certamente, vi sono più dischi problematici. In base all’esito della diagnosi, almeno diagnosi dei valori SMART, si deciderà come far eseguire la FASE 2 ai vari hard disk.

FASE 2 – Clonazione degli hard disk

Il vero professionista del Recupero Dati RAID, non opera MAI con gli originali dei clienti; i dischi del cliente, contengono l’unica copia esistente dei dati da recuperare e quindi vanno preservati al massimo. Altrettanto dovrebbe fare chi vuole far da se, in questa guida è spiegato con che utilities eseguire la diagnosi SMART ed è spiegato passo passo come clonare un hard disk.

ATTENZIONE!
ATTENZIONE!: diagnosi e clonazione degli hard disk sono passi imprescindibili, vanno assolutamente eseguiti, pena perdere l’unica copia esistente dei dati.

FASE 3 – Analisi dei settori dei singoli dischi

Il contenuto in settori dei singoli dischi viene controllato con l’editor esadecimale. In questa fase ci potremo già prefigurare quello che sarà l’esito della ricostruzione

FASE 4 – Ricostruzione della logica del RAID

Ogni RAID suddivide i blocchi da scrivere sugli hard disk in maniere caratteristiche e generalmente differenti. In questa fase del Recupero Dati RAID, si ricostruisce la logica con la quale il controller distribuiva questi blocchi sui vari dischi.

FASE 5 – Ripristino del volume

L’obbiettivo della fase 4 è individuare i parametri necessari per ricostruire il volume del RAID e poi farne un dump .

NOTA BENE: è evidente che per fare le immagini dei dischi (FASE 2) e poi scaricare (dump – FASE 5) l’intero volume (esempio 3 TB di un RAID 5 composto da 4 HDD) in un unico file immagine, serve molto spazio disco. Noi disponiamo di server adeguati che ci permettono di erogare anche urgentemente i nostri servizi.

FASE 6 – Ricostruzione del file system

Se l’utente non ha eseguito azioni sconsiderate o casuali (tipo accendi-spegni) sul RAID e se i dischi non sono molto danneggiati, nella maggior parte dei casi, si riusciremo a ricostruire il file system e conseguentemente a recuperare la struttura delle directory e dei files in esse contenuti, tutte e tutti coi loro nomi originali ed anche con le date originali dei files.

FASE 7 – Estrazione dei dati e copia

In fine si passa all’estrazione e alla copia di quanto ricostruito su supporti che vengono concordati col cliente.

FASE 8 – Controprova privacy e restituzione dati

Una volta che l’estrazione è completata, viene generata una lista delle directory e dei files e viene sottoposta al cliente che deve assumersi la responsabilità in termini di privacy per la proprietà dei dati, un vero e proprio riconoscimento. A riconoscimento avvenuto, si passa alla fase del saldo e poi alla restituzione dei dati.